Muschia 

di Giovanni Regazzi

 
 

Non so nè quando nè da chi sia stata scoperta Muschia. Ma so che, per un lungo(davvero lungo) periodo, nessuno mi disse dove si trovava . Poi Sciabolone mi ci portò (grazie Sciabolone).  

Muschia doveva essere tenuta segreta, mi venne spiegato e rispiegato. Potete giustificare la cosa con l'egoismo tipico degli arrampicatori che hanno trovato un bel giochino. Ma erano gli anni del boom di Meschia,  dove a casusa della cattiva condotta di alcuni e dell' impatto che una massa di arrampicatori può avere su un bosco, si sarebbe  arrivati alla chiusura di Meschia Vecchia.

Infrangiamo quel patto di riservatezza (taac : la macchia nera), perchè il giochino è bello ma mezzo abbandonato .

 Abbiamo scelto di svelare il "settore crinale" e non gli altri perchè in alcuni di quelli puliti dai primi scopritori non conosciamo o non ricordiamo (sic, mea culpa) i nomi dei blocchi, o sono letteralmente attaccati ad abitazioni , altri hanno pochi parcheggi o necessitano di passare su strade private. Al crinale invece I blocchi li abbiamo puliti noi, molti io nel 2016, l'accesso è comodo , i sassi ci sembrano belli e friendly per dimensioni  ,gradi e ,salvo eccezioni, landing. 

Senza la spinta di Albi avrei lasciato i sassi abbandonati a ricoprirsi di muschio. Ho molti dubbi :" non verrà nessuno!" " diventerà un letamaio!""le prese scavate fioriranno"... vedremo.

Intanto speriamo vi piacciano.  

Pulire le prese: arrampicare su prese sabbiose, con licheni o muschio semplicemente fa cagare.  Il consiglio è quello di prendersi il tempo di fare un po' di make up al sasso per poi godersi delle belle sensazioni durante i tentativi.

 Non pulire troppo le prese: altrimenti scaverete. E non parlo solo delle spazzole di ferro, Se ci metterete un po' di energia, anche con uno spazzolino da denti riuscirete a cambiare velocemente la roccia. Roccia che in alcuni punti è spettacolare ma in altri è sabbiosa . Dove è sabbiosa accettate la cosa, un colpo di spazzola morbida morbida e una soffiata  ad ogni tentativo. Insistere non cambierà nulla, sotto non è che sia più compatta, resterà sabbiosa fino alla fine dei sui giorni. Per il resto valgono le solite raccomandazioni e regole generali di comportamento. Prestiamo attenzione. Facciamolo soprattutto per noi stessi , per goderci uno stacco dalle nostre città sporche e piene di incivili. 

 
 
Muschia, Settore Crinale indicazioni e raccomandazioni
A 40 km da Bologna salendo lungo la valle del Reno, sulle colline di Labante (Vergato), si trova questa splendida area boulder di arenaria caratterizzata principalmente da affioramenti e, a volte, veri e propri massi.
La qualità della roccia può cambiare da sasso a sasso e da presa a presa dello stesso sasso, passando dal tartarugato libidinoso alla svasa sabbiosa e infida da un passaggio all' altro!
Il tipo di arrampicata, com'è tipico per questa roccia, è molto fisica ed esigente, richiede forza per comprimere svasi e piatte, e sensibilità per piedi spesso inesistenti.
Dimenticate le tacche nette, gli appoggi confortevoli, i passaggi "facili e intuibili", i gradi bazza e i sormonti comodi (mi viene da ridere..).
In pratica non c’è quasi nulla di facile. 
Come arrivare: da Vergato (Bo), prendere deviazione per Castel D'Aiano e poi Labante fino ad arrivare in prossimità della famosa cascata (44.261486, 11.036148). Imboccare sulla destra via Casella e seguirla per alcuni chilometri risalendo la collina prima su strada asfaltata e poi ghiaiata fino ad arrivare al parcheggio (44.269429, 11.046228) vedi foto sotto.
Fate attenzione a come parcheggiate, evitate di intralciare il passaggio delle altre auto e l' accesso alle case presenti considerando che c'è posto per 5-6 auto e quindi eventualmente organizzandovi al meglio.
Inutile ricordare di essere persone educate e civili, non sporcare abbandonando rifiuti di nessun tipo in questo splendido bosco, non scavare o modificare la roccia.
 
Per preservare i passaggi allo stato originale, senza rovinare e alterare la roccia è indispensabile ASTENERSI dall'arrampicare nei giorni seguenti eventi piovosi. L'arenaria umida mostra tutto il suo aspetto fragile e oltre a rovinare le prese, non è neanche bello arrampicare su prese che ''fanno sabbia''...La roccia può impiegare uno o più giorni per asciugare, dipende dalle condizioni (vento, sole, umidità....) e dall'esposizione del sasso. Se non siete sicuri che le condizioni della roccia siano ottimali e non volete fare tanta strada per poi trovarvi davanti a dei sassi umidi con i sensi di colpa per aver danneggiato qualche passaggio, non esitate a contattarci sulla mail o sulla pagina facebook!!!
Buon Divertimento!
boulder a bologna, arrampicata a bologna
Mappa_CRINALE_2.jpg
v per 7a - 43.jpg
sentinella - 71.jpg
sentinella lato sud - 71.jpg
ballo di fine anno - 66.jpg
traverso dei buchi.jpg
spigolo trick.jpg
spulvraz.jpg
libra.jpg
svase.jpg
nocciolina.jpg
lo squalo.jpg
olio di spalma.jpg
la macchina del kapo.jpg
tacco di benito.jpg
almeno 22.jpg
piutost.jpg
costanza.jpg
palladipelo.jpg
lo spigolo del pigiama.jpg
fette biscottate.jpg
big audio.jpg
slittino.jpg
candito.jpg
castagna.jpg